Valve rimuove in silenzio da Steam il proprio "fallimento", ma impegno per Linux e SteamOS

Valve decide di rimuovere dalla categoria Hardware di Steam le Steam Machine senza annunci e senza far rumore, sancendo di fatto il fallimento di un progetto in cui molti volevano credere e che arriva al capolinea.

Le Steam Machine: PC potenti dotati del sistema operativo SteamOS pensati per rivoluzionare il gaming da salotto e rappresentare un'alternativa alle console, non sono mai riusciti ad attecchire nel mercato.

I motivi di questo insuccesso sono tanti e vanno ricercati principalmente nella presenza di troppi modelli, in prezzi fin troppo elevati e nello scarso supporto della stessa società di Gabe Newell.

Nella sezione Hardware di Steam si trovano ora l'HTC Vive, lo Steam Controller e lo Steam Link. In molti hanno trovato maggiore senso in quest'ultima periferica, che permette di collegare la TV al proprio PC attraverso la rete domestica, replicando fondamentalmente il concetto di gioco che volevano esprimere le Steam Machine e a un costo irrisorio.

Valve ha voluto dire la sua dopo le ipotesi avanzate nei giorni scorsi, a seguito dell'eliminazione dallo Store di Steam del link per raggiungere la sezione dedicata alle Steam Machine. L'azienda non può nascondere l'insuccesso delle macchine da gioco basate sul SteamOS, ma precisa l'importanza che l'iniziativa ha avuto nel tentativo realizzare una piattaforma (aperta) dedicata al gaming basata sul sistema operativo Linux e ribadisce, contestualmente, che l'impegno in tale direzione non è venuto meno.

Valve ha precisato:

Abbiamo notato che ciò che è partita come una routinaria attività di sistemazione della navigazione dello Store si è trasformata in una storia sull'eliminazione delle Steam Machine. Quella sezione dello Store di Steam è ancora disponibile, ma è stata rimossa dalla barra di navigazione principale sulla base del traffico utente. [...]

[...] Mentre è vero che le Steam Machine non stanno andando propriamente a ruba, le nostre motivazioni per cercare una piattaforma di gioco aperta e competitiva non sono cambiate in modo significativo. Stiamo ancora lavorando per rendere i sistemi operativi Linux un luogo ideale per i giochi e le applicazioni. Riteniamo che, alla fine, si tradurrà in un'esperienza migliore per sviluppatori e clienti, compresi quelli che non usano Steam.

L'iniziativa Steam Machine, in altri termini, è servita a Valve per acquistare feedback utili per comprendere le problematiche di una piattaforma dedicata al gaming basata su Linux e cercare di migliorare le carenze riscontrate. Secondo Valve un tassello essenziale per raggiungere l'obiettivo coincide con la diffusione delle API Vulkan:

Riteniamo che una parte importante di questo impegno sia il nostro continuo investimento volto a rendere Vulkan un'API grafica competitiva e ben supportata, oltre a garantire che abbia un supporto di prim'ordine nelle piattaforme Linux

Valve ricorda alcuni recenti traguardi ottenuti con le API Vulkan, recentemente rese disponibili anche per macOS e iOS - lo erano in precedenza anche per Windows e Linux. Ad esempio, la funzione Shader Pre-Caching che permette agli utenti di applicazioni basate sulle API Vulkan (o OpenGL) di saltare la compilazione degli shader in locale, sostituendoli con quelli pre-compilati per la specifica scheda video; un accorgimento che permette di ridurre i tempi di caricamento e migliora il frame rate riducendo lo stuttering. La feature è stata introdotta a dicembre scorso, ma è destinata ad evolversi e ad essere migliorata nei prossimi mesi.

Valve aggiunge che sta continuando ad effettuare significativi investimenti di risorse per supportare l'ecosistema, i tool e i driver Vulkan, e che in futuro verranno svelate ulteriori iniziative dedicate alla piattaforma Linux. Se le Steam Machine, in questa fase, possono essere considerate moribonde, in prospettiva futura SteamOS ha ancora una funzione da svolgere:

SteamOS continuerà ad essere il nostro mezzo per rendere disponibili questi miglioramenti ai nostri clienti, e riteniamo che alla fine ne beneficerà l'intero ecosistema Linux

In sintesi, anche se l'hardware (le Steam machine) non ha raggiunto i risultati sperati in termini di vendite, lo sviluppo della piattaforma procede e considerato che proporre alternative in un qualsiasi segmento di mercato dominato dai 'soliti big' non è semplice, l'iniziativa è comunque meritevole di attenzione. A maggior ragione se, come detto, a trarre beneficio saranno anche tutti gli utenti Linux appassionati di gaming e non solo chi usa SteamOS.

#steam #SteamMachine #Valve #SteamOS

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Follow Us
  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle