La recensione di Outlast 2 su Nintendo Switch

Il secondo capitolo della serie sbarca su Nintendo Switch, ed è decisamente in forma

Bauman una volta ha detto che il male e la paura sono gemelli siamesi. Una frase molto particolare, che possiamo tranquillamente rubare ai libri del filosofo per applicarla ad Outlast. Il titolo di Red Barrels è proprio questo: la rappresentazione del male, in ogni forma in cui riesce a manifestarsi. Il primo capitolo ha riscosso un enorme successo, tanto da essere quasi celebrato come uno dei migliori survival-horror degli ultimi anni, e recentemente è arrivato su Nintendo Switch nella Outlast: Bundle of Terror. Adesso è il turno del sequel: Outlast 2 fa a sua volta capolino sulla ibrida della casa di Kyoto, a quasi un anno di distanza dalla sua pubblicazione sulle altre console e su PC. Anche a questo giro il lavoro di porting dei Red Barrels ci ha lasciati soddisfatti: il team ha dimostrato di nuovo una certa cura per i propri prodotti. Pronti a gettarvi in un incubo a base di culti religiosi deviati, maniaci sessuali e sangue?

QUALCUNO CAMMINA TRA I FILARI

Lynn e Blake Langermann stanno viaggiando in elicottero al di sopra di un'area semi desertica e disabitata dell'Arizona. Lynn è una giornalista, indaga sull'omicidio di una ragazza incinta morta in circostanze misteriose. Noi vestiamo i panni di Blake, il marito (nonché suo cameraman). E per i primi tre minuti di gioco ci illudiamo ancora una volta, come già nel primo Outlast, che le cose tutto sommato possano andare bene. E invece non va bene niente, perché per qualche strano motivo l'elicottero precipita. Ci ritroviamo separati da Lynn, feriti e smarriti in un'area che inizia a non sembrare più tanto disabitata. Qua e là, tra filari di grano e sterrati, qualcuno ha eretto delle croci di legno. E in lontananza c'è un villaggio molto inquietante ad attenderci alla luce della luna. Outlast 2 un anno fa ha alzato molto il tiro rispetto al primo capitolo, puntando ad un ambiente di gioco più vasto, più angosciante, e a tematiche (se possibile) ancora più spinte. Blake si ritrova invischiato tra la follia degli abitanti e il loro culto religioso molto particolare, sul quale non vogliamo anticiparvi più del necessario. A differenza del primo Outlast, tuttavia, la narrazione è molto più lineare e guidata. Quasi sempre si intuisce immediatamente e con chiarezza dove andare o che cosa fare, e per tutte le altre fasi bastano alcuni tentativi alla trial and error o un minimo di esplorazione consapevole dell'ambiente circostante. Ancora una volta la produzione ha puntato su un survival horror psicologico, ma questa volta molto più semplice da comprendere, con un numero elevato di documenti e filmati (i collezionabili) da raccogliere e analizzare lungo il cammino, finché tutto quello che riguarda l'angosciante faccenda ci sarà chiaro.

L'esperienza vera e propria di Outlast, ciò che spinge all'acquisto, è il viaggio all'interno dell'incubo. Il modo in cui viene raccontato è estremamente efficace e la metafora degli sviluppatori, che hanno descritto il giocatore come "un topo in un labirinto", è valida. A patto di comprendere che il labirinto è estremamente lineare, e che il livello di sfida non è tanto quello di riuscire a scappare, quanto godersi i dettagli disseminati in ogni angolo. Le modalità di gioco sono rimaste anch'esse immutate rispetto al primo Outlast, ricevendo solo qualche piccola rifinitura. Blake non è un guerriero, può contare solo in minima parte sulla resistenza della sua pelle. A farla da padrone torna la telecamera, con cui orientarci al buio tramite la visione notturna. In giro troveremo bende con cui curarci se abbiamo ricevuto qualche colpo, e batterie per ricaricare il nostro fidato strumento. Per il resto si esplora, ci si nasconde, ci si sente angosciati dall'inizio alla fine, e si subisce (è anche giusto) qualche infame jump scare.

UN PORTING DA PAURA

Il titolo di questo paragrafo è metaforico, non siamo riusciti a evitare la battuta. Ma attenzione: anche se Outlast 2 non può certo confrontarsi con la versione per PlayStation 4 o con quella per PC, non vuol dire che su Nintendo Switch le cose vadano male. Anzi, già provando il primo Outlast abbiamo mantenuto le aspettative alte anche per il secondo porting, e non sono state deluse. Outlast 2 su Nintendo Switch in modalità portatile è incredibilmente solido, fluido e bello da vedere, a prescindere dai dettagli tecnici della questione (che tra l'altro non sono stati ancora confermati da Red Barrels). In Modalità TV, a parità di frame rate, la qualità visiva subisce un'ulteriore spintarella, lasciando comunque il colpo d'occhio sempre soddisfatto, ed evitando qualsiasi tipo di sbavatura.

Abbiamo avuto la conferma: Red Barrels i porting li sa fare, e probabilmente è anche per questo motivo che di abbassare il prezzo dell'offerta proprio non ne vuole sapere. Outlast 2 costa infatti ben 30 euro su Nintendo Switch, mentre altrove si trova già da tempo a cifre più abbordabili. Non è tutto, restate seduti. Con Outlast 2 arriva quella che potrebbe essere una gradita aggiunta per tutti i giocatori che si stancano di morire sempre nello stesso punto, e che magari non hanno capito così bene come nascondersi in un barile o dentro un armadio per sfuggire ai nemici. È la Modalità Avventura, ovvero la modalità "ancora più facile di quella facile", adatta per godersi semplicemente la storia del gioco. I nemici sono meno aggressivi, i loro colpi più leggeri, le batterie molto più generose, e di tanto in tanto Red Barrels ci prende per mano e ci suggerisce di fare questo o quello per superare un determinato punto di gioco. I veterani che invece vogliono una sfida degna di tutto rispetto non devono temere: le difficoltà più elevate, compresa "Follia" sono sempre lì. Tutto il resto è rimasto completamente identico a quanto visto lo scorso anno su console rivali e PC. Non è stato introdotto alcun contenuto bonus di sorta, neppure una raccolta di bozzetti o una galleria per le tracce audio.

Si tratta di una scelta precisa degli sviluppatori: mentre Outlast: Bundle of Terror è stato pensato come raccolta del primo capitolo con relativo DLC, Outlast 2 viene ripresentato per quello che è, senza aggiunte di sorta. Aggiunte che per inciso non sono state sviluppate neppure altrove, dato che del DLC di Outlast 2 alla fine non se n'è fatto più nulla. Una critica invece può essere mossa al supporto dell'HD Rumble, che è stato implementato il minimo sindacabile al pari del capitolo precedente. Questo significa che i Joy Con ogni tanto vibrano, secondo scelte del tutto arbitrarie da parte degli sviluppatori, ma mai secondo un piano di fondo davvero studiato con cura. Potevano essere utilizzati, ad esempio, per intuire la provenienza dei nemici, oppure per avvertire lo stato della telecamera: Outlast 2 offre davvero parecchi spunti per introdurre un sistema di vibrazioni tattili complesso. Peccato, perché l'immersività complessiva del titolo ne avrebbe sicuramente gioito. Altra piccola pecca è quella legata ai sottotitoli. Sono presenti anche in lingua italiana, e questo è un bene per quei pochi dialoghi presenti. La loro dimensione, tuttavia, è insignificante già in Modalità TV: figurarsi quando portiamo Nintendo Switch con noi, dove ogni singolo carattere assume le dimensioni di una formica.

Outlast 2 torna su Nintendo Switch incredibilmente in forma, con un comparto tecnico decisamente valido anche in modalità portatile. Si poteva sicuramente pensare a qualche tipo di contenuto aggiuntivo che giustificasse (di nuovo) il prezzo di acquisto elevato, o comunque studiare meglio il supporto all'HD Rumble. Ad ogni modo resta un'avventura imperdibile per gli amanti dei survival horror, all'interno di un incubo tremendo, potente e affascinante. C'è un racconto di Stephen King con troppi punti in comune con Outlast 2 per credere che non lo abbia ispirato almeno un po'. Si chiama i Figli del Grano. Dopo aver giocato ad Outlast 2, leggetelo. Poi provate a dormire con la luce spenta, se ci riuscite.

VOTO 8

PRO
  • Un validissimo esponente del suo genere

  • Ottima la conversione su Nintendo Switch

  • Nuova modalità per i meno coraggiosi

CONTRO
  • A volte davvero troppo guidato

  • Sfrutta l'HD Rumble il minimo indispensabile

  • Sottotitoli microscopici

#Outlast2 #nintendoswitch #Recensione

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Follow Us
  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle